Quali scelte politiche per i cristiani?

library-folder-white-iconTre settimane fa, abbiamo pubblicato un profilo di Carlo Carretto a cento anni dalla nascita. Passò dall’impegno nell’associazionismo ecclesiale, negli anni del dopoguerra in cui lo scontro con il comunismo era acceso, a una vita di preghiera tra i piccoli fratelli di Charles de Foucault. Pubblichiamo qui il testo di una sua lettera aperta del 1975 sulle scelte politiche dei cristiani di cui questo sito si è occupato. Il contesto era quello del dibattito del referendum sul divorzio, ma le argomentazioni di fondo risultano ancora attuali.

30 anni fa era un'altra cosa. Non eravamo in polemica tra di noi, non conoscevamo la contestazione nell'ambito della chiesa. Noi cattolici formavamo un blocco unico ed ogni valore umano contribuiva a rafforzare l'unità tra di noi e renderla visibile sulle piazze. (...).

Poi ci furono questi 30 anni in cui ognuno di noi visse, soffrì e soprattutto imparò cose nuove. Che cosa ci apportarono questi 30 anni di vita vissuta come cristiani, come cittadini? Che cosa ci apportò quella straordinaria assise del cattolicesimo che fu il Vaticano II? Io penso ci apportò una nuova visione della chiesa, una nuova visione del mondo. Più passa il tempo e più si allontana da noi la concezione della chiesa della nostra giovinezza. Allora la chiesa ci appariva come città sul monte; ora la vediamo come lievito nella pasta. Quando eravamo ragazzi la sognavamo forte e servita da tutti, specie dai re e dai governi, ora la desideriamo debole con i deboli e a servizio degli uomini. A quei tempi di crociata la vedevamo assediata da innumerevoli nemici, ora ci appare come un albero di senape capace di ospitare nidi fra i suoi rami di pace. Soprattutto quello che è cambiato è il rapporto chiesa-mondo.

Quando diedi per la prima volta nel ‘48 il mio voto alla D.C. ero convinto della necessità di giungere al potere per servire gli uomini, se non altro per difendere la loro libertà. 30 anni dopo non ne sono più così convinto e vado cercando nel Vangelo l'atteggiamento di Gesù davanti al potere. Quale contraddizione continua è per il cristiano il potere! Può esistere un potere cristiano? Possiamo noi nel nome di Colui che ci obbliga a lavarci i piedi a vicenda sopportare le infinite contraddizioni poste dal gioco di potere di cui ci dà spettacolo continuo un partito... al potere? (...).

Nel cattolicesimo moderno è entrata una tale problematica sui temi potere-servizio, fede e politica, chiesa-mondo, da rendere impossibile l'identità di vedute per parecchie generazioni. Almeno nei particolari. Chi volesse trovare la "comunione" tra i cristiani partendo dalle loro opzioni politiche deve prepararsi a profonde delusioni. Specie nella cristianità italiana. Piaccia o non piaccia non ci sono più identità di vedute sul problema politico e non esiste parroco o vescovo capace di rifarla.

(…) Sì, caro Sandro, io sono convinto che nessuno fa male alla D.C. più che l'identità clericale stampata sul suo abito logoro e purtroppo nulla fa più male alla cristianità italiana di essere identificata con la D.C. Immagina che abbiano ragione quelli di Comunione e Liberazione a voler fare a tutti i costi una politica cristiana e che sia giusto che i cristiani combattano uniti per realizzare il loro impegno nella città (...). Io non mi metto contro Comunione e Liberazione, ma non mi metto contro - come chiesa - nemmeno ai cristiani che sono convinti del contrario e che vedono i cattolici animatori di tutti i partiti scelti dalla loro coscienza di uomini liberi, come non mi metto contro - come chiesa - a chi crede al socialismo. Se dovessi dire solo una parola traendola dalla mia esperienza è che dovremmo evitare ogni integrismo. Esiste o non esiste un pluralismo in politica? La stessa chiesa in altissimo loco nella pastorale del Concilio non lo ha forse accettato? E il card. Roy non ha forse parlato in modo abbastanza ufficiale di una "legittima varietà di opzioni in materia politica e del diritto al dissenso in campo sociale"? (...).

Tu prendi la scusa del mio ultimo libro, ma ti dimentichi praticamente di esso per fermarti invece su quello che è il tema ricorrente fino alla noia negli ambienti ufficiali delle curie: stroncare la contestazione anche la più innocente, difendere l'unità dei cattolici sul piano politico, tornare al sicuro passato dove tutti votavano D.C. e si doveva dire come al tempo delle ricorrenti restaurazioni: "Tutto va bene, madama la marchesa!".

Non è così? Te lo dimostro. Qualche mese prima della nefasta data del referendum tu ripetutamente e con insistenza mi hai chiesto di scrivere una specie di proclama; un invito ai sacerdoti per richiamarli ai valori fondamentali della interiorità e della preghiera. Il che significa che avevi fiducia in me. Non è cosa da poco in tempi di crisi come i nostri sentirsi invitati dal direttore della Rivista del clero a fare una predica sulla fede ai sacerdoti italiani! Poi venne il 12 maggio e colui che era stato scelto da te per realizzare un così delicato intervento presso le coscienze dei pastori diventa incapace di scrivere cose spirituali e lo tratti con la tua stessa penna come uno che non può più essere autentico con le sue parole.

Tant'è! Vedi a che punto può condurre una rottura per motivi politici nella comunione tra di noi? Se ti facessi leggere la corrispondenza ricevuta in occasione del mio coscienzioso "no" tu potresti trarre materia per fare un numero speciale della tua rivista sul fanatismo dei cattolici. (...) Ed è per questo che sento di sostenere che dalla nostra assemblea cristiana devono essere escluse tutte quelle opzioni culturali, politiche, sociali capaci di rompere la comunione tra di noi. I drammi di Mazzolari e Milani dovrebbero averci insegnato qualcosa.

Non può un vescovo o una congregazione romana chiedere ad un prete la comunione su una scelta politica o sul modo di vedere una legge civile. Non può un sacerdote dimostrare di non essere in comunione perfetta con un suo fedele che vota socialista o cose del genere. Facendo così è lui che rompe la comunione, non il suo suddito. Le sofferenze ed i pericoli che corriamo dovrebbero avere insegnato alla comunità cristiana a cercare la comunione, quella vera, sulle cose indiscusse della fede. Ci convochino i nostri vescovi sulla eucaristia. Ci convochino sul Vangelo, sul primato dei poveri, sulle beatitudini, sul servizio, sulla resurrezione del Signore! Non ci convochino sul dubbio che sia la terra a girare attorno al sole o ciò che è peggio per comunicarci che dobbiamo obbedire nella fede a cose opinabili che con la fede non hanno nulla a vedere. Insomma la comunione nella chiesa non è sulle idee dei singoli ma sulla fede. (...)

Sandro, sento nelle tue righe troppa paura, che è la paura della Chiesa per quel dissenso che lei stessa accresce con la sua intransigenza su piani non di fede. La chiesa non ha bisogno che la difendiamo in quel modo. La chiesa non è cosa nostra.

 (...) fratel Carlo